SLOpng     ENpng     ITpng     GERpng

CICLISMO

Le numerose strade meno trafficate e le strade sterrate offrono un'ampia varietà di sentieri di diversi livelli di difficoltà per il ciclismo su strada e in mountain bike. A famiglie e ai cicloturisti raccomandiamo soprattutto le numerose piste ciclabili.

La più famosa è la Parenzana, che con i suoi 120 km segue il percorso della linea ferroviaria che un tempo collegava Trieste (Italia) e Parenzo (Croazia). La ciclabile ben indicata con segnaletica in colore blu con l’indicazione numerica D8 entra in Slovenia al di sopra del valico di frontiera Škofije (Rabuiese), e in Croazia al valico di frontiera di Sečovlje (Sicciole). Consigliamo di iniziare a pedalare
a Muggia poco prima della foce del rio Ospo, dove troverete anche la segnaletica per la pista ciclabile (a 9 km di distanza da Gabrovica). Dopo una breve salita, la pista ciclabile attraversa il confine di stato e, dall'altra parte, discende gradualmente
nella valle del fiume Risano. Tra Koper (Capodistria) e Izola (Isola), il sentiero corre lungo il mare per la vecchia strada principale ora chiusa per i veicoli a motore. Attraversando Portorož (Portorose), dopo 36 km dall'ingresso in Slovenia raggiungerete il confine di Sicciole, dove termina la parte asfaltata della pista ciclabile.

Una pista più breve, ma non meno attraente, è la ciclabile di Giordano Cottur, anche essa posizionata lungo il percorso della linea ferroviaria abbandonata che collegava Trieste alla rotta Lubiana – Pola. La gran parte della pista è in strada bianca, quindi non è adatta per bici da strada. Il percorso inizia vicino all'incrocio per Klanec sulla strada regionale Kozina – Koper, dove c'è anche la possibilità di parcheggio. L’itinerario pittoresco che ci porta attraverso i viadotti e le gallerie conservati sopra Val Rosandra ci sorprende all’entrata nella città di Trieste, dove la natura selvaggia carsica viene improvvisamente sostituita dalla periferia densamente popolata di Trieste. Nell'ultima parte, il sentiero è pavimentato e molto comodo per il ciclismo, in quanto attraversa qualche strada trafficata solo in pochi punti. Dopo 16 km di pedalata, il sentiero ci porta 350 m in discesa e termina nel centro urbano di Trieste sotto lo sv. Jakob (San Giacomo). Dopo aver visitato Trieste, consigliamo di ritornare sullo stesso percorso, visto che Trieste, con il suo traffico caotico e le ascese ripide, è la scelta meno favorevole per i ciclisti. Un altro suggerimento: da Trieste si può approfittare della linea marittima per Muggia, con la quale potete evitare in modo elegante gli ingorghi stradali al ritorno.

Per le famiglie, consigliamo la pista ciclabile di 4 km, che va da Koper (Capodistria) a Vanganel. l sentiero è provvisto di segnaletica, ben mantenuto e completamente pianeggiante e, a differenza della Parenzana, anche significativamente meno popolato, quindi è adatto anche per fare una “scuola di bici” per i bambini. Volendo, potete scegliere di continuare il percorso nella direzione di Izola (Isola) e Bertoki (Bertocchi), in quanto si collega alla Parenzana in prossimità della stazione degli autobus di Capodistria.
Per chi avesse bisogno di una sfida maggiore c’è l’AdriaBike, una pista ciclabile di lunga distanza che, una volta completata, collegherà Kranjska Gora a Ravenna. La ciclabile AdriaBike, che utilizza strade regionali meno trafficate e percorsi ciclabili già esistenti, è ad un solo chilometro di distanza da Gabrovica nella direzione di Črni Kal. Maggiori informazioni sulle piste ciclabili segnalate nel comune di Koper (Capodistria) anche per mountain bike sono disponibili sul sito web del comune di Koper - Capodistria sotto il titolo “Turismo”. Anche noi due saremo lieti di aiutarvi con consigli e suggerimenti, poiché anche a noi piace molto esplorare nuovi posti in bicicletta, e ci rendiamo conto di quanto siano importanti le informazioni degli intenditori locali.
Gabrovica si trova al crocevia di piste ciclabili europee già realizzate e quelle che sono previste nel futuro, quindi vi consigliamo di fermarvi qui per alcuni giorni poiché combinando i vari percorsi ciclabili precedentemente descritti, è possibile attraversare in modo sicuro e comodo la maggior parte della costa slovena.